Zucchero sulle Etichette: migliora la Salute

//Zucchero sulle Etichette: migliora la Salute

Zucchero sulle Etichette: migliora la Salute

Riportare la dicitura “prodotto con zucchero aggiunto” sugli alimenti confezionati, potrebbe, da sola, ridurre i casi di diabete, di malattie cardiovascolari e al contempo, si tradurrebbe in un aumento degli anni di vita in salute con riduzione dei costi dell’assistenza sanitaria.
Questa la conclusione di uno studio pubblicato on-line il 15 aprile su Circulation.
Un gruppo di ricercatori dell’Università di Boston, ha utilizzato un modello convalidato di micro-simulazione per stimare il potenziale impatto sulla salute e l’economia di due possibili scenari:
  1. Aggiunta, da parte della FDA (Food and Drug Administration), dell’etichetta sullo zucchero contenuto nel prodotto;
  2. Aggiunta dell’etichetta sullo zucchero e riformulazione dei prodotti alimentari (con riduzione del contenuto di zuccheri aggiunti). 

I ricercatori hanno scoperto:

  1. La sola etichetta sullo zucchero contenuto preverrebbe 354.400 casi di malattie cardiovascolari e 599.300 casi di diabete mellito di tipo 2 tra il 2018 e il 2037. Con un risparmio $ 31 miliardi in costi sanitari e $ 61,9 miliardi in costi sociali.
  2. L’etichettatura sullo zucchero affiancata dalla riformulazione dei prodotti alimentari preverrebbe 708.800 casi di malattie cardiovascolare e 1,2 milioni di casi di diabete mellito di tipo 2, con un risparmio di $ 57,6 miliardi e $ 113,2 miliardi in costi sanitari e costi sociali.

I costi politici includono le spese governative di amministrazione e le spese di conformità / riformulazione dei prodotti alimentari. I costi relativi alla salute comprendono assistenza medica, assistenza generale e costi correlati alle malattie cardiache e al diabete mellito di tipo 2. I costi negativi rappresentano i risparmi.
[USD, dollari USA]

Seppur lo studio prenda in esame uno scenario possibile, simulato, sarebbero comunque da tenere in considerazione le conclusioni a cui sono arrivati i ricercatori. Gli interventi proposti sono applicabili con estrema semplicità, in tempi relativamente brevi, soprattutto per quanto riguarda una maggiore attenzione e trasparenza volta all’etichettatura dei prodotti alimentari. Se anche non si arrivasse a tanto con così poco, varrebbe sicuramente la pena tentare. Quantomeno per cercare di arrestare l’esercito di diabetici, obesi, ipertesi e in generale persone affette da sindrome metabolica, che quotidianamente affollano gli studi di nutrizionisti, dietisti e dietologi.

Un’etichettatura dei prodotti alimentari che renda i consumatori più consapevoli dei loro acquisti è sicuramente una necessità e un diritto comune. 

Dott.ssa Chiara Cevoli

By | 2019-04-24T21:19:06+00:00 aprile 24th, 2019|Categories: Salute|Tags: , , , , , |0 Comments

Leave A Comment