Articoli recenti

Cerca nel Sito

Contattami

VivieNutri.it

Categorie

Stipsi

La stipsi è un disturbo molto diffuso, che interessa dal 2 al 27% della popolazione occidentale: colpisce principalmente donne ed anziani. Questa stima risulta così poco accurata a causa della difficoltà ad individuare una definizione di stipsi condivisa da tutti. Esistono 2 forme principali di stipsi: la stipsi primaria o idiopatica, causata da problemi fisici e funzionali, e la stipsi secondaria determinata da condizioni organiche, dall’uso di farmaci e cattivi stili di vita. La forma più frequente, detta stitichezza semplice, è riscontrata maggiormente negli anziani. È causata dall’indebolimento della parete muscolare intestinale: il bolo fecale non viene spinto lungo il colon. Le feci rimanendo nell’intestino sono private dell’acqua, diventano dure e quindi difficili da espellere. Attualmente per la definizione di stipsi si utilizzano i “Criteri di Roma II”.

cause e consigli dietetici

Scarica il pdf dell’immagine La Stipsi

Criteri di Roma II

Devono essere riscontrabili almeno 2 dei seguenti sintomi, negli ultimi 12 mesi e per almeno 12 settimane (anche non consecutive):

  • Sforzo eccessivo per almeno il 25% delle evacuazioni;
  • Feci dure per almeno il 25% delle evacuazioni;
  • Sensazione di evacuazione incompleta per almeno il 25% delle evacuazioni;
  • Sensazione di occlusione rettale per almeno il 25% delle evacuazioni;
  • Ricorso ad operazioni manuali per svuotare il retto per almeno il 25% delle evacuazioni;
  • Numero di evacuazioni settimanali inferiore a 3.

Le cause

Le cause sono molteplici:
Diminuzione del contenuto di acqua nelle feci:

  • Disidratazione
  • Diminuita alimentazione

Ostruzioni del flusso:

  • A livello dell’ileo: per ostruzione dell’intestino tenue
  • A livello del colon: diverticoli, aderenza, distensione vescica, carcinoma, polipo
  • A livello anale: fibrosi, tumori

Alterazioni dell’attività motoria:

  • Generalizzata: farmaci, ipotiroidismo ed altre malattie metaboliche, pseudostruzione intestinale, enteropatia diabetica, lesioni del midollo spinale, permanenza a letto
  • A livello del colon: sindrome dell’intestino irritabile

Riflesso della defecazione alterato:

  • Lesioni rettali o anali, malattia psichica

Consigli

  • Congruo apporto di fibre, sia idrosolubili che non: le fibre aumentano il volume delle feci, trattengono acqua e permettono la proliferazione della flora batterica intestinale.
  • Bere almeno 2 L di acqua al giorno.
  • Fare esercizio fisico.
  • Non ignorare lo stimolo defecatorio: rinviare l’evacuazione determina, nel tempo, una diminuzione della sensibilità a questo riflesso.

Dott.ssa Chiara Cevoli
Biologo Nutrizionista

Bibliografia:
P. Binetti, M. Marcelli, R. Baisi; Manuale di nutrizione clinica e scienze dietetiche applicate. Società Editrice Universo
Riccardi, Pacioni, Giacco, Rivellese; Manuale di nutrizione applicata. Sorbona

2 Responses to Stipsi

  1. Pingback: Smettere di Fumare Senza Ingrassare | Magazine di Nutrizione, Benessere e Salute: Dott.ssa Chiara Cevoli Biologo Nutrizionista

  2. Pingback: Cosa sono i Prebiotici? | Magazine di Nutrizione, Benessere e Salute: Dott.ssa Chiara Cevoli Biologo Nutrizionista

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>