L’Alimentazione nella Sindrome del Colon Irritabile

//L’Alimentazione nella Sindrome del Colon Irritabile

L’Alimentazione nella Sindrome del Colon Irritabile

Non esiste un’alimentazione valida in tutti i casi poiché tale sindrome si manifesta in maniera diversa da soggetto a soggetto. Generalmente è accompagnata da dolori addominali e diarrea, ma non mancano i casi in cui invece della diarrea il soggetto è affetto da stipsi. La gestione e la scelta della dieta è fondamentale poiché spesso queste persone tendono ad eliminare molti alimenti per paura di scatenare o aggravare i sintomi.

Come comportarsi a tavola con la Sindrome del Colon Irritabile

Una regola che vale per tutti è quella di frazionare i pasti nella giornata: infatti mangiate troppo abbondanti provocano spesso fastidi. Alcuni alimenti, soprattutto quelli che provocano la formazione di gas a livello intestinale, possono peggiorare la sintomatologia. Anche spezie, caffè, tè e bevande gassate tendono ad aggravare i sintomi.

Potenziale Flautogeno degli Alimenti

  • Potenziale Flautogeno Debole: pesce, carne, verdura (lattuga, cetrioli, broccoli, peperoni, cavolfiore, pomodori, asparagi, zucchine, olive), frutta (melone, uva), carboidrati (riso, cracker integrali).
  • Potenziale Flautogeno Medio: dolci, patate, agrumi, melanzane.
  • Potenziale Flautogeno Forte: latte e derivati, verdure (cipolle, sedano, carote, cavoletti di Bruxelles), legumi, frutta (uva passa, banane, albicocche, succo di prugne).

Sindrome del Colon Irritabile
Tuttavia, onde evitare inutili restrizioni e privazioni, è opportuno tenere per qualche settimana un diario alimentare: in questo, oltre a riportare cosa si è mangiato, è necessario segnalare la comparsa di eventuali disturbi e gli eventuali episodi di stress affrontati (infatti lo stress sembra una della cause nella sindrome del colon irritabile).

La fibra nella Sindrome del Colon Irritabile

Poiché esistono 2 sintomatologie associate alla sindrome del colon irritabile, il ruolo della fibra è controverso e dipende dalla presenza o meno di stipsi o diarrea. Nella forma stitica, introiti elevati di fibra migliorano sicuramente la sintomatologia, mentre per coloro che soffrono di diarrea il suo ruolo risulta poco chiaro. Sicuramente le fibre possono provocare aumento del dolore e del meteorismo. Sembrerebbe che la fibra insolubile peggiori la situazione, mentre quella solubile la migliori soprattutto nei soggetti che soffrono di stipsi. La fibra solubile infatti trattenendo acqua rende le feci più morbide ed induce un aumento della flora batterica intestinale.

Sindrome del Colon Irritabile
Oltre agli accorgimenti a tavola una moderata e regolare attività fisica e l’uso dell’olio essenziale di menta piperita sembrerebbe migliorare la sintomatologia.

Bibliografia

P. Binetti, M. Marcelli, R. Baisi; Manuale di Nutrizione Clinica e Scienze Dietetiche Applicate. Società Editrice Universo.
L. Lucchin, F. Chilovi; Nutrizione e Patologia Gastrointestinale. Il Pensiero Scientifico Editore.

Dott.ssa Chiara Cevoli

By | 2014-04-23T15:04:00+00:00 maggio 31st, 2014|Categories: Salute|Tags: , , , , |0 Comments

Leave A Comment