Cerca nel Sito

Contattami

VivieNutri.it

Categorie

Il Diabete di Tipo 2

È la forma più comune di diabete e rappresenta circa il 90% dei casi di questa malattia, è un diabete tipico dell’età adulta (i 2/3 dei casi interessano persone di oltre 64 anni). La causa è ignota, in questo caso però, a differenza di quello che succede nel Diabete di Tipo 1, il pancreas produce insulina ma le cellule non sono in grado di utilizzarla. L’insulina è un ormone che permette l’ingresso del glucosio che circola nel sangue (che deriva dagli alimenti ingeriti) di entrare all’interno delle cellule per essere utilizzato come fonte di energia. Se il glucosio rimane nel sangue, alle cellule non arriva sufficiente energia, inoltre può causare danni al sistema cardio-vascolare, agli occhi, alle arterie e ai nervi delle gambe, ai reni, al cervello.

Il diabete di tipo II è una sindrome molto eterogenea: esistono infatti forme caratterizzate da insulino-resistenza (cioè l’insulina prodotta non è in grado di lavorare come dovrebbe) e forme con deficit nella secrezione di insulina (il pancreas produce una quantità di insulina non sufficiente alle esigenze del corpo). In entrambi i casi si registra un aumento dei livelli di glucosio nel sangue (iperglicemia).

Riguardo la familiarità, circa il 40% dei diabetici di tipo 2 ha parenti di primo grado (genitori, fratelli) affetti dalla stessa malattia, mentre nei gemelli monozigoti la malattia si presenta in entrambi i soggetti quasi nel 100% dei casi, suggerendo una forte componente ereditaria per questo tipo di diabete.

diabete di tipo 2

Le Cause del Diabete di Tipo 2

Si manifesta generalmente dopo i 30-40 anni e in questo tipo di diabete la predisposizione genetica ne costituisce probabilmente la base, su cui agiscono diversi fattori ambientali: disordini alimentari, scarsa attività fisica, sovrappeso e obesità. Il rischio di sviluppare questa malattia infatti, aumenta con l’età, in presenza di obesità e in mancanza di attività fisica.

Altre condizioni che aumentano la probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2 sono:

  • Diabete gestazionale
  • Dieta ad alto contenuto di grassi saturi
  • Fumo di sigaretta
  • Alcol
  • Sedentarietà
  • Età

diabete di tipo 2

I Fattori di Rischio del Diabete di tipo 2

I fattori di rischio, cioè quei comportamenti o caratteristiche che aumentano la probabilità che una persona possa sviluppare questa malattia, per il diabete di tipo 2, sono:

  • Obesità: avere un Indice di Massa Corporea maggiore o uguale a 30
  • Inattività fisica
  • Ipertensione: Pressione Arteriosa Sistolica maggiore o uguale a 140 mmHg, Pressione Arteriosa Diastolica maggiore o uguale a 90mmHg.
  • Colesterolo HDL (minore o uguale a 35 mg/dl)
  • Trigliceridi (maggiori o uguali a 250 mg/dl)

Come si manifesta il diabete di tipo 2

L’esordio del diabete di tipo II è spesso subdolo perché i sintomi tipici del diabete (poliuria, polidipsia, dimagrimento, polifagia, disidratazione e chetonuria) sono spesso di lieve entità o addirittura assenti. Nella fase preclinica si manifesta con obesità, ipertensione e complicanze cardiovascolari, solo successivamente si ha una riduzione della tolleranza glicidica (agli zuccheri) e iperglicemia.

Alcuni dei sintomi tipi del diabete di tipo 2 sono:

  • Stanchezza
  • Frequente bisogno di urinare anche nelle ore notturne
  • Aumento della sete
  • Perdita di peso improvvisa e immotivata
  • Visione offuscata e lenta guarigione delle ferite
  • Aumento dell’appetito
  • Zuccheri nelle urine (glicosuria)
  • Aumento delle infezioni genito-urinarie (cistiti)
  • Disfunzione erettile negli uomini e secchezza vaginale nelle donne

Complicanze del diabete di tipo 2

  • Malattie cardiovascolari
  • Neuropatia: danno a livello dei nervi soprattutto delle gambe
  • Nefropatia: danno renale
  • Complicanze oculari: fino alla cecità
  • Amputazioni
  • Ipoglicemia: valore della glicemia inferiore a 70 mg/dl
  • Iperglicemia

diabete di tipo 2

Diagnosi di Diabete di Tipo 2

  • Glicemia con valori uguali o superiori a 126 mg/dl la mattina appena svegli (o dopo 8 ore di digiuno).
  • Emoglobina glicata (HbA1c) superiore a 6.5
  • Test da carico di glucosio: se in seguito all’assunzione di una bevanda contenete 75 gr di glucosio il valore della glicemia dopo 2 ore è uguale o superiore a 200 mg/dl si è in presenza di diabete.
  • Valori di glicemia uguali o superiori a 200 mg/dl nell’arco della giornata.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>