Sensibilità al glutine

///Sensibilità al glutine

Sensibilità al glutine

Non più solo celiachia: da qualche anno sta prendendo sempre più piede una nuova sfida, la sensibilità al glutine (in inglese gluten sensitivity, GS) caratterizzata da sintomi intestinali e non, correlati all’ingestione di glutine in soggetti non affetti da celiachia.
Ancora ad oggi poco caratterizzata, un gruppo di esperti si è riunito per la prima volta nel febbraio 2011 a Londra per cercare di definire a stabilire dei criteri diagnostici per la sensibilità al glutine.

Celiachia, Allergia al Frumento, Sensibilità al Glutine: definizioni

Celiachia, Allergia al Frumento, Sensibilità al Glutine: definizioni

La Celiachia è una malattia dell’intestino tenue, cronica e immuno-mediata, causata dall’assunzione di glutine in soggetti geneticamente predisposti. Si riscontra la presenza nel sangue di anticorpi contro gli enzimi (transglutaminasi tissutale) e le pareti intestinali (endomisio) di questi soggetti che causano i sintomi tipici della celiachia. L’allergia al frumento è invece una reazione, sempre mediata dal sistema immunitario, verso le proteine del frumento. Nella sensibilità al glutine il soggetto in seguito all’ingestione di alimenti che contengono glutine, sviluppa una serie di sintomi in assenza degli anticorpi specifici per la celiachia e dell’atrofia a livello dei villi intestinali (sintomo tipico anch’esso della celiachia), si riscontra in alcuni casi la presenza di anticorpi anti-gliadina (proteina del glutine).

Ad oggi non si conosce la frequenza della sensibilità al glutine nella popolazione. Sembrerebbe direttamente correlata con la sindrome dell’intestino irritabile, più frequente nei soggetti di sesso femminile di mezza età.

Sintomi della Sensibilità al Glutine

I sintomi che caratterizzano la sensibilità al glutine compaiono a breve distanza dalla sua ingestione e scompaiono quando si interrompe l’assunzione di alimenti che lo contengono. I sintomi sono simili a quelli presenti nella sindrome dell’intestino irritabile: dolori e gonfiori addominali, diarrea, costipazione, emicrania, mente annebbiata, affaticamento, dolori articolari, depressione, anemia.

Diagnosi di Sensibilità al Glutine

Ad oggi purtroppo non esistono esami di laboratorio validati e certi per la diagnosi di sensibilità al glutine. Gli esami, e quindi i marcatori, utilizzati per la diagnosi di malattia celiaca, cioè gli anticorpi anti-gliadina e anti-endomisio sono sempre risultati negativi nelle persone affette da sensibilità al glutine. Per quanto riguarda invece la predisposizione genetica riscontrata nella malattia celiaca (in questo caso la frequenza è del 95%), è stata evidenziata nel 50% dei soggetti affetti da sensibilità al glutine: molto inferiore rispetto alla celiachia, ma superiore rispetto alla popolazione generale (30%). La diagnosi di sensibilità al glutine si basa soprattutto sulla remissione dei sintomi quando sono esclusi gli alimenti che lo contengono dalla dieta.

Bibliografia
C. Catassi, J. C. Bai, B. Bonaz et al. Sensibilità al glutine non celiaca: la nuova frontiera dei disturbi glutine-correlati. International Expert Meeting on Gluten Sensitivity; Monaco, 1.–2. Dicembre 2012

Leave A Comment