Il Metabolismo dei Carboidrati

///Il Metabolismo dei Carboidrati

Il Metabolismo dei Carboidrati

Per poter essere utilizzati dal corpo, i carboidrati introdotti con l’alimentazione devono essere tagliati e ridotti in monosaccaridi che sono assorbiti dalla parete intestinale. Già nella bocca e poi nello stomaco l’amido è scisso in molecole più semplici da parte di enzimi. Nell’intestino prosegue la digestione ad opera di altri enzimi e tramite il sangue, i monosaccaridi, arrivano al fegato, dove sono trasformati in glucosio e utilizzati in base alle necessità del fegato e di tutte le altre cellule dell’organismo. Gli zuccheri semplici possono essere impiegati a scopo energetico da tutte le cellule dell’organismo: essi fornisco circa 4 Kcal/gr di sostanza.

digestione assorbimento, metabolismo ed escrezione dei carboidrati

Il glucosio nel corpo

Nel corpo il glucosio si trova all’interno delle cellule e nel sangue, mentre nei muscoli e nel fegato si trova sotto forma di molecola complessa: il glicogeno, dove svolge una fondamentale azione di riserva energetica. Il glucosio contenuto all’interno delle cellule deriva da 3 diverse fonti:

  1. La dieta (cioè ciò che mangiamo)
  2. La glicogenolisi (scissione del glicogeno accumulato nel fegato e nei muscoli)
  3. La gluconeogenesi epatica (produzione di glucosio dagli amminoacidi)

Queste 3 vie, fanno si che la glicemia, cioè la concentrazione di glucosio nel sangue, rimanga costante. In condizioni normali, la glicemia oscilla tra 60-110 mg/dl: aumenta dopo i pasti, diminuisce durante il digiuno o dopo attività fisica prolungata. Dato che il nostro corpo non dispone di grandi riserve di zuccheri (al contrario può disporre di grandi riserve di grassi), è fondamentale evitare il digiuno prolungato rifornendo gli zuccheri per evitare che la glicemia si abbassi troppo (ipoglicemia). Quando ciò accade l’organismo ricorre alla produzione endogena di glucosio per mezzo della glicogenolisi e della gluconeogenesi. Queste 2 vie evitano la comparsa dei malori che accompagnano lo stato ipoglicemico: malessere generale, incapacità di concentrazione, stanchezza e sudorazione.

By | 2014-03-24T16:27:02+00:00 aprile 15th, 2014|Categories: Carboidrati|Tags: , , , , , |0 Comments

Leave A Comment