Linee Guida su Probiotici e Prebiotici

//Linee Guida su Probiotici e Prebiotici

Linee Guida su Probiotici e Prebiotici

Premessa

L’impiego in Italia di fermenti lattici nel settore degli integratori risale a circa 30 anni fa, quando tali prodotti secondo la normativa vigente venivano inclusi tra i prodotti dietetici e preventivamente autorizzati ai fini dell’immissione in commercio.

I primi prodotti autorizzati contenevano Saccaromyces cerevisiae o fermenti lattici come Streptpcoccus thermophilus e Lactobacillus bulgaricus in associazione con nutrienti, per lo più vitamine del gruppo B, che servivano per conferire loro la valenza “nutrizionale” allora ritenuta necessaria per l’inquadramento nel settore dei dietetici.

Dal 2002, con l’avvento della direttiva comunitaria 2002/46/CE sugli integratori alimentari che ha aperto il suo campo di applicazione anche alle “fonti concentrate” di sostanze ad “effetto fisiologico”, sono stati legalmente ammessi come integratori alimentari prodotti a base di soli “probioticisenza componenti nutrizionali associate. A livello nazionale l’effetto “fisiologico” volto a favorire l’equilibrio della flora intestinale è sempre stato considerato utile per la salute e vincolato alla capacità di un probiotico di colonizzare a livello intestinale grazie all’apporto di un numero sufficiente di cellule vive con le quantità di assunzione indicate.

L’EFSA, nella valutazione dei claims da autorizzare ai sensi del Regolamento (CE) 1924/2006, sostiene che incrementare il numero di un qualsiasi gruppo di batteri” come “aumentare i livelli di microflora benefica” non siano in sè effetti benefici sulla salute”, e inoltre, che affermazioni come “sostenere una microflora intestinale equilibrata” o “influire beneficamente sulla microflora intestinale” potrebbero essere ritenute benefiche per la salute “in caso di una concomitante diminuzione dei microrganismi potenzialmente patogeni” (cfr. EFSA Journal 2009; 7(9) 1232).

Ribadendo la validità e la proporzionalità dell’approccio italiano ai probiotici per il riconoscimento della loro “efficacia” in senso fisiologico, si prende atto di una tale valutazione. Sul piano normativo, ne consegue di fatto che l’indicazione di un probiotico per il riequilibrio della flora intestinale alle condizioni nazionali non risulta essere una indicazione sulla salute da autorizzare ai sensi dell’articolo 13.5 del Regolamento (CE) 1924/2006.

Analoga considerazione vale per i “prebiotici”, considerando la loro composizione e il complesso delle evidenze scientifiche a supporto di una loro indicazione per un effetto fisiologico sull’equilibrio della flora batterica.

Per quanto sopra, solo prodotti conformi alle presenti linee guida per il loro contenuto di probiotici o prebiotici, risultando plausibilmente in grado di favorire l’equilibrio della flora batterica intestinale alle condizioni stabilite, possano indicare in etichetta tale effetto ed impiegare termini che lo sottendono come “probiotico” e “prebiotico”.

1. PROBIOTICI

Indicazioni per l’uso negli alimenti e negli integratori alimentari di microrganismi probiotici (batteri e/o lieviti), tradizionalmente utilizzati per l’equilibrio della flora intestinale.

1.1. Caratteristiche dei microrganismi che possono essere utilizzati negli alimenti e negli integratori alimentari

I microrganismi che possono essere impiegati negli alimenti e negli integratori alimentari devono soddisfare i seguenti requisiti:
a) essere usati tradizionalmente per integrare la microflora (microbiota) intestinale dell’uomo.
b) essere considerati sicuri per l’impiego nell’essere umano. I microrganismi usati per la produzione di alimenti non devono essere portatori di antibiotico-resistenza acquisita e/o trasmissibile.
c) essere attivi a livello intestinale in quantità tale da moltiplicarsi nell’intestino.

1.2 Identificazione della specie e del ceppo

L’accertamento della posizione tassonomica è volto a garantire la sicurezza del microorganismo usato perché consente di riconoscere la specie batterica con una lunga storia di consumo sicuro.
Per denominare la specie occorre utilizzare la nomenclatura tassonomica riconosciuta dalla International Union of Microbiological.

1.3 Quantità di microrganismi

Sulla base delle evidenze scientifiche disponibili, la quantità minima sufficiente per ottenere una temporanea colonizzazione dell’intestino da parte di un ceppo di fermento lattico è di almeno 109 cellule vive per ceppo e per giorno. La porzione di prodotto raccomandata per il consumo giornaliero deve, quindi, contenere una quantità pari a 109 di cellule vive per almeno uno dei ceppi presenti nel prodotto. L’uso di quantità diverse può essere consentito solo se il razionale per tale scelta è supportato da adeguati studi scientifici. La quantità di cellule vive presenti nel prodotto deve essere riportata in etichetta per ogni ceppo e deve essere garantita, alle modalità di conservazione suggerite, fino al termine della shelf-life.

1.4 Sicurezza dei probiotici

L’uso di un nuovo ceppo microbico, sia pure appartenente ad una specie già impiegata, richiede una
nuova valutazione della sicurezza e dell’efficacia. Ai fini dell’accertamento della sicurezza si ribadisce la necessità di una identificazione tassonomica a livello di specie e di ceppo, con le tecniche precedentemente indicate, così come la valutazione del profilo di antibiotico-resistenza (antibatteriche o antimicotiche a seconda dei casi).

1.5 Indicazioni d’uso

“Favorisce l’equilibrio della flora intestinale”

2. PREBIOTICI

Indicazioni per l’uso negli alimenti e negli integratori alimentari di prebiotici tradizionalmente utilizzati per l’equilibrio della flora intestinale

2.1 Definizioni

Le presenti indicazioni fanno riferimento al documento FAO “tecnica Meeting Report: Prebiotics” (Roma, Settembre 2007), dove il termine “prebiotico” è definito come segue:
“Un prebiotico è un costituente degli alimenti non vitale che conferisce un beneficio alla salute mediante una modulazione del microbiota”.
Costituenti alimentari impiegati come prebiotici devono soddisfare i seguenti requisiti:
– essere sicuri per l’uomo sulla base di un uso tradizionale, in modo che al loro impiego non risulti applicabile il Regolamento (CE) 258/97 sui novel food;
– essere presenti sulle quantità di assunzione giornaliera in quantità plausibili per svolgere un effetto “prebiotico” secondo le evidenze scientifiche disponibili.

2.2 Indicazione d’uso:

Favorisce l’equilibrio della flora intestinale

Fonte:
Ministero della Salute, Dipartimento sanità pubblica veterinaria, sicurezza alimentare e organi collegiali per la tutela della salute direzione generale igiene e sicurezza degli alimenti e della nutrizione ufficio IV ex DGSAN.

By | 2014-11-29T09:25:03+00:00 giugno 29th, 2014|Categories: Integratori|Tags: , , , |0 Comments

Leave A Comment