Il caffè e la caffeina

//Il caffè e la caffeina

Il caffè e la caffeina

Tanti tipi di caffè

Il caffè, come il tè e la cioccolata, è una sostanza nervina in grado cioè di agire sul Sistema Nervoso Centrale, stimolando vigilanza, attenzione e riducendo il senso di fatica. Questi effetti sono dati dalla caffeina, una molecola appartenente alla famiglia delle metilxantine (a questa famiglia appartengono anche la teofillina e la teobromina).

Il caffè è ottenuto dai semi della Coffea arabica e Coffea canephora: la prima varietà è caratterizzata da una maggior quantità di grassi, mentre la seconda contiene più caffeina.

Il seme una volta raccolto è sottoposto, prima di essere commercializzato, a vari trattamenti, tra i quali la tostatura e a triturazione. La torrefazione conferisce al caffè il caratteristico aroma per la formazione del caffeone, una miscela composta da circa 700 sostanze volatili (aldeidi, chetoni, eteri, esteri, acidi, etc.).

Il caffè può essere preparato in diversi metodi, i quali conferiscono particolari caratteristiche gustative alla bevanda e ne influenzano anche il contenuto in caffeina. In Italia i metodi più diffusi sono il caffè espresso e la moka, con una percentuale di caffeina dell’80% e 95% rispettivamente.

Altri metodi di preparazione del caffè sono per filtrazione e boiled, caratteristici dei paesi nordici e degli USA, con percentuali di estrazione della caffeina dell’80% e 97-100%. Questi metodi producono bevande consumate in quantità molto superiori rispetto a quelle prodotte con la moka o l’espresso. Il metodo boiled consiste nel far bollire per circa 10 minuti 50-70 gr di caffè arabico macinato grosso per ogni litro di acqua. La bevanda ottenuta si fa decantare ma non si filtra. Il metodo per filtrazione consiste invece nel versare acqua bollente su polvere di caffè racchiusa in un filtro di carta.

Il caffè e la caffeina

Contenuto di Caffeina per Metodo di Preparazione del Caffè

Metodo di Preparazione % di Caffeina nella Polvere % di Estrazione della Caffeina Polvere (gr) Volume della Razione (ml) Caffeina (mg/razione)
Espresso 1.63 80 6-7/razione 20-35 78-91
Moka 1.63 95 5-8/razione 40-50 77-124
Boiled 1.20 97-100 50-70/L 150-190 87-158
Filtrazione 1.20 80 40-80/L 100-190 80-145

La Caffeina

L’assorbimento della caffeina nel corpo è molto rapido e si completa in circa 45 minuti, mentre il tempo necessario perché si registri una riduzione del 50% la sua concentrazione iniziale è compreso tra le 4 e le 5 ore per un modesto consumo di caffè, ma può arrivare anche a 13 ore se il consumo è maggiore.

Effetti della caffeina

L’effetto principale della caffeina e quello maggiormente ricercato da chi è solito consumare caffè è l’aumento dell’attenzione e la riduzione del senso di fatica. Tuttavia il consumo abituale di elevate dosi di caffè (superiori a 5-6 tazzine al giorno) può causare lo sviluppo di un lieve grado di dipendenza (la caffeina ha una ridotta potenzialità di abuso) e una sua brusca sospensione può determinare la comparsa di sintomi di astinenza: cefalea, tremori, apatia.

Caffeina e sonno

La caffeina può inoltre influenzare il sonno sebbene con una variabilità individuale. In uno studio è stato osservato che i forti consumatori di caffè dormono meglio rispetto a soggetti a cui veniva dato placebo probabilmente perché la caffeina attiva un enzima che determina un aumento dei livelli plasmatici di melatonina, ormone coinvolto nella regolazione del sonno.

Caffeina e Sistema Cardiovascolare

A livello cardiovascolare la caffeina determina un aumento della pressione arteriosa e in alcuni soggetti tachicardia: anche per questo motivo ne è sconsigliato l’uso in gravidanza, poiché la caffeina attraversando la placenta può raggiungere il feto modificandone la frequenza del battito cardiaco. Inoltre, venendo eliminata attraverso il latte materno può provocare insonnia e irritabilità nel lattante.

Caffeina e apparato gastrointestinale

A livello gastrointestinale il caffè stimola secrezione e motilità gastrica, favorendo la digestione e l’evacuazione; per questo motivo il suo consumo è sconsigliato a chi soffre di gastriti o ulcere peptiche.

Altri effetti del Caffè

Il caffè è fonte di acidi clorogenici, capaci di lievi effetti ipoglicemizzanti nell’uomo.

Il caffè e la caffeina

Valori Nutrizionali Caffè Tostato (7 gr)

Kcal 20.09
Proteine 0.728 gr
Grassi 1.078 gr
Carboidrati 1.995 gr
Sodio 5.18 mg
Potassio 141.4 mg
Ferro 0.287 mg
Calcio 9.1 mg
Fosforo 11.2 mg
Vitamina B2 0.014 mg
Vitamina B3 0.7 mg

Dott.ssa Chiara Cevoli

By | 2014-07-02T16:35:43+00:00 ottobre 3rd, 2014|Categories: Integratori|Tags: , , , , , , , |0 Comments

Leave A Comment