Articoli recenti

Cerca nel Sito

Contattami

VivieNutri.it

Categorie

Il colore della pelle

Da cosa dipende?

Secondo uno scritto del 1967 pubblicato su Science del dottor Loomis fu la vitamina D a “stabilire” i diversi colori della pelle (bianca, gialla, nera). È ormai accertato che l’uomo ebbe origine in Africa (vicino all’equatore) e molto probabilmente il colore della sua pelle era scuro come protezione verso i raggi solari molto forti in questa zona. La pelle chiara si sarebbe evoluta successivamente per prevenire la carenza di vitamina D: infatti la pelle scura lascia passare circa il 40% dei raggi ultravioletti (fondamentali per l’attivazione della vitamina D), mentre un colorito più chiaro permette un passaggio fino al 70% circa dei raggi solari. Quando l’uomo primitivo migrò dalla fascia equatoriale verso altre latitudini, si trovò in zone dove il sole era meno forte e meno duraturo: la sua pelle scura impediva quindi il giusto assorbimento di raggi solari e di conseguenza la necessaria attivazione della vitamina D, portando probabilmente all’insorgenza del rachitismo.

Il colore della pelle

Anche al giorno d’oggi bambini ed adulti con la pelle scura sono più soggetti a rachitismo e osteomalacia rispetto a bambini e adulti di pelle più chiara. L’adattamento della pelle dell’uomo alla diversa intensità dei raggi solari è ancora evidente: in estate il colore della nostra pelle è più scuro per proteggerci da un’eccessiva “scorpacciata” di raggi ultravioletti, mentre in inverno, quando la quantità e la qualità del sole è scarsa, la nostra pelle risponde perdendo velocemente la sua pigmentazione e permettendo quindi un assorbimento massimo della luce solare. Ricordate che bastano 10 minuti al giorno al sole con gambe e braccia scoperte per attivare la quantità necessaria di Vitamina D: quindi, anche in inverno, invece di passare intere domeniche a passeggio nei centri commerciali, una passeggiata all’aria aperta è sicuramente la scelta migliore per le nostre ossa.

Dott.ssa Chiara Cevoli
Biologo Nutrizionista

Bibliografia:
Il libro completo delle vitamine, Giunti Demetra EDITORE.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>