Cerca nel Sito

Contattami

VivieNutri.it

Categorie

Masticare a Lungo fa Mangiare di Meno?

Capita spesso di ridursi all’ora di pranzo o di cena con la così detta “fame da lupi”, che ci spinge a divorare tutto quello che ci capita sotto mano, mangiando velocemente, senza gustare il cibo che abbiamo in bocca. Che questo comportamento sia un errore, lo sappiamo tutti: gli alimenti non masticati, ingeriti quasi interi, risultano meno digeribili, possono causare disturbi gastrici, ma soprattutto non soddisfano il palato. Il risultato? Si mangia di più, e in alcuni casi molto di più. Già all’inizio del XX secolo l’americano Horace Fletcher, soprannominato il grande masticatore, fu fautore e divulgatore di un particolare tipo di dieta, alla cui base vi era un’unica regola: masticare il cibo almeno 32 volte. La “dieta Fletcherizing” era caratterizzata da un curioso motto: “la natura castigherà chi non mastica”. Egli stesso, sosteneva, di essere stato in grave sovrappeso e di essere dimagrito grazie a questo metodo.

Cosa succede durante la masticazione

Durante la masticazione, gli alimenti si combinano con la saliva, formando una massa detta bolo alimentare. Durante questa fase della digestione, vengono stimolati i sensi dell’olfatto, del tatto e del gusto. È fondamentale che la masticazione avvenga in modo corretto, altrimenti la digestione non verrà portata a termine con la necessaria efficacia.

Masticare a Lungo fa Mangiare di Meno?

Cosa dice la scienza

Diverse ricerche indicano che alcuni comportamenti che assumiamo quando mangiamo, come mangiare velocemente, abbuffarsi e masticare poco, sono associati all’obesità. La funzione principale della masticazione è ridurre in piccole parti il cibo ingerito: si facilita così il rilascio dei nutrienti dal cibo, si stimola la salivazione e migliora la stimolazione sensoriale degli alimenti (fondamentale per la regolazione della quantità di cibo ingerito). A sostegno di questa tesi, alcuni studi hanno trovato che quando si mangiano cibi semisolidi e solidi, rispetto a cibi liquidi, le calorie assunte sono minori, la sensazione di sazietà arriva prima e i bocconi sono più piccoli. Ancora, una prolungata esposizione sensoriale al cibo (risultato di una lunga masticazione), diminuisce significativamente l’apporto di cibo ingerito ed infine, è stato scoperto che masticare chewing gum per 15 minuti sopprime l’appetito, in particolare per i dolci e riduce le calorie ingerite dagli snacks. La masticazione è quindi uno stimolo fondamentale per la regolazione della quantità del cibo ingerito, probabilmente perché stimola il rilascio di ormoni che regolano l’appetito a livello cerebrale. Sembra anche importante la quantità di acqua che si beve durante il pasto: riempiendo lo stomaco, contribuisce al senso di sazietà, portando a mangiare di meno. Attenzione però a non esagerare: bere molto durante i pasti diluisce i succhi gastrici rallentando quindi la digestione.

FONTE: Jie Li, Na Zhang, Lizhen Hu, Ze Li, Rui Li, Cong Li, and Shuran Wang; Improvement in chewing activity reduces energy intake in one meal and modulates plasma gut hormone concentrations in obese and leanyoung Chinese men. Am J Clin Nutr 2011;94:709–16.

Dott.ssa Chiara Cevoli
Biologo Nutrizionista

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>