Articoli recenti

Cerca nel Sito

Contattami

VivieNutri.it

Categorie

Qualche Curiosità sulla Colazione

Normalmente il periodo più lungo senza alimentarsi è tra la cena e la colazione, quindi 8-12 ore: gli inglesi infatti chiamano la colazione breakfast, “breaking a fast”, cioè rompi digiuno. Il termine deriva dal latino “collationem”, cioè il momento di raccoglimento dei monaci dopo la preghiera della sera, successivamente usato per indicare il primo pasto mattutino consumato dopo il digiuno religioso. Già gli egiziani, i greci, gli etruschi e i romani erano soliti consumare una colazione (soprattutto salata), che si arricchì dopo la scoperta dell’America con l’introduzione del caffè e del cioccolato.

curiosità sulla colazione
Esistono due tipi principali di colazione:

  • Continentale: la più diffusa nel nostro paese a base di bevande calde, pane, marmellata, brioches, succo o spremuta di frutta.
  • Internazionale: a base di alimenti dolci e salati (affettati, formaggi).

Secondo un sondaggio che ha coinvolto 2000 donne, effettuato in occasione Farmhouse Breakfast Week nel Regno Unito, una donna su tre salta la colazione perché troppo indaffarata a prepararsi per la giornata lavorativa e una su sei nel tentativo di perdere peso. A riguardo, non vi è alcuna evidenza scientifica sul fatto che saltare la colazione aiuti a dimagrire, anzi secondo molti è probabilmente il pasto più importante della giornata.

Dott.ssa Chiara Cevoli
Biologo Nutrizionista

2 Responses to Qualche Curiosità sulla Colazione

  1. Pingback: Perché è importante non saltare la colazione | Magazine di Nutrizione, Benessere e Salute: Dott.ssa Chiara Cevoli Biologo Nutrizionista

  2. Pingback: Colazione e Diabete | Magazine di Nutrizione, Benessere e Salute: Dott.ssa Chiara Cevoli Biologo Nutrizionista

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>