Cerca nel Sito

Contattami

VivieNutri.it

Categorie

Il torrone che non c’è più

torrone-vivienutriInsieme al panettone e al pandoro rappresenta un po’ il simbolo del Natale: il torrone, in assoluto il mio dolce preferito di questi giorni di festa. Negli ultimi anni quando si parla di torrone si pensa subito alla tavoletta di cioccolato (più o meno fondente) e nocciole, ma il vero torrone non è quello, il vero torrone è bianco e fatto con albume, miele e frutta secca.

Ma di vero ormai nei supermercati non si trova più nulla, torrone compreso. Eh sì perché nei torroni della grande distribuzione si trovano ingredienti che con il torrone vero non c’entrano nulla e questo incide non poco sia sul gusto che sui valori nutrizionali. Cercando però, nei piccoli negozi o magari in qualche mercatino natalizio un buon torrone si riesce ancora a trovare.

Sotto vi riporto il confronto tra 2 torroni, uno della grande distribuzione, l’altro artigianale.

 

Sperlari “Il Tenero alla Mandorla”

Ingredienti: mandorle 46%, sciroppo di glucosio-fruttosio, zucchero, miele 5%, ostie (fecola di patate, acqua), albume d’uovo, aromi, aroma naturale di limone.

Licanias de Sardigna snc “Torrone morbido di miele e mandorle”

Ingredienti: miele 58%, mandorle 40%, albume 1%, ostie 1% (fecola di patate, olio vegetale, acqua).

 

VALORI NUTRIZIONALI (per 100 gr)

Sperlari “Il Tenero alla Mandorla”

Licanias de Sardigna snc “Torrone morbido di miele e mandorle”

Kcal

497

450

Grassi

di cui saturi

27 gr

3.7 gr

40 gr

5 gr

Carboidrati

di cui zuccheri

52 gr

49 gr

63.3 gr

36.6 gr

Proteine

12 gr

13.3 gr

 

Le differenze saltano subito agli occhi. La competitività sul mercato ha fatto sì che la ricetta originale del torrone fosse modificata con una decisamente più economica: sostituire infatti il miele con zucchero e peggio ancora con sciroppo di glucosio-fruttosio rende il prodotto decisamente più economico della controparte fatta solo con miele ma decisamente meno gradevole al palato e molto meno salutare per il nostro corpo. Inspiegabile (o forse si, visti gli ingredienti) la presenza di aromi del torrone Sperlari.

 

Confronto della Tabella Nutrizionale -Torroni

Sono 2 le grandi differenze nutrizionali di questi prodotti: il contenuto in grassi e il contenuto in carboidrati. A molti potrebbe sembrare migliore lo Sperlari in quanto contiene quasi la metà dei grassi rispetto al prodotto artigianale: grave e grande errore. In un prodotto così ricco in zuccheri (e lo Sperlari a quantità di zuccheri non ha badato a spese), una buona percentuale di grassi è importate, agendo come una sorta di “tampone” all’impennata di glicemia data appunto dallo zucchero.

Inoltre è ormai indubbio che il vero problema dell’alimentazione moderna non sia la quantità di grassi che mangiamo ma la quantità di zuccheri, soprattutto semplici, colpevoli di aumentare i trigliceridi nel sangue, il colesterolo cattivo e predisporre a tutte quelle malattie legate all’obesità, oltre ovviamente alla stessa obesità.

Meglio quindi un prodotto che contenga più grassi, soprattutto se sani come in questo caso (i grassi del torrone sono infatti dati dalla frutta secca), rispetto ad un prodotto che contiene più zuccheri, e meglio ancora sarebbe se questi zuccheri non derivassero da sciroppi.

Il consiglio? Mangiatene un pochino di meno, ma spendete qualcosa in più quando acquistate il torrone, il sapore (e non solo) vi ripagherà!

Come sempre la qualità fa bene alla salute.

Dott.ssa Chiara Cevoli

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>