Carni: dall’Allevamento alla Vendita

//Carni: dall’Allevamento alla Vendita

Carni: dall’Allevamento alla Vendita

Gli animali destinati al nostro consumo alimentare, dopo essere stati allevati, vengono macellati. Alla macellazione segue la frollatura della carne cioè la sua maturazione a temperature comprese tra 1°C e 4°C. Questa operazione serve per rendere la carne più tenera.

Durata della frollatura delle Carni

Non tutte le carni hanno lo stesso tempo di frollatura:

  • Pollame: da 2 a 4 giorni
  • Suini, Ovini e Caprini: da 4 a 10 giorni
  • Vitelloni: da 7 a 20 giorni

Diversi Tipi di Carne

Le carni sono suddivise in 3 famiglie:

  1. Rosse: ricche in ferro e mioglobina (la proteine che trasporta ossigeno ai tessuti). A questa categoria appartengono: bovini adulti, pecore, capre e bufali.
  2. Bianche: non contengono molta mioglobina per questo il loro colore è tra il bianco e il rosa. Appartengono a questa categoria: bovini giovani, maiali, polli, oche, anatre.
  3. Scure: dette anche nere per l’intensa attività delle fibre muscolari ricche di ossigeno. Fa parte di questa categoria la selvaggina: cervi, cinghiali, fagiani, pernici, quaglie.

carne

La Carne al Supermercato

È importante scegliere sempre carni fresche (e preferibilmente non congelarle per evitare la perdita di nutrienti) di colore rosa o rosso uniformi. Il grasso deve essere presente perché durante la cottura aiuta ad avere carni più tenere e ovviamente più saporite. È importante però che il grasso sia di colore bianco, non giallo (indice di irrancidimento) ma se l’animale è stato allevato su pascoli mangiando prettamente fieno il colore giallo del grasso è un indice positivo.

Come mi comporto al Supermercato?

Cosa riportano le Etichette delle Carni

  • Nome e indirizzo dello stabilimento che ha confezionato il taglio
  • Peso e denominazione commerciale della carne
  • Data di scadenza
  • Modalità di conservazione

Purtroppo dalle etichette non sapremmo mai come è stato allevato l’animale e ad eccezione dei bovini, non è obbligatorio riportare la nazione di nascita, allevamento e macellazione dell’animale.

Come mi comporto al Supermercato?

  • Consuma meno carne ma di qualità.
  • Prediligi carni alternative e tagli meno noti.
  • Scegli carni di provenienza italiana, meglio se locali da piccoli allevatori.
  • Preferisci carni che provengono da aziende che tengono conto del benessere degli animali.
  • Attenzione al prezzo: prezzi troppo bassi sono molte volte un campanello di allarme di sfruttamento animale e/o ambientale.
  • Evitare di acquistare grandi quantità di carni per poi doverle congelare: poca, di qualità e fresca.
  • Leggi bene l’etichetta.

Fonte: SlowFood.it

Dott.ssa Chiara Cevoli

By | 2014-05-14T17:27:23+00:00 settembre 3rd, 2014|Categories: Alimentazione|Tags: , , , , , , |0 Comments

Leave A Comment