Bambini: Perché Iniziare il Pasto con Verdure?

//Bambini: Perché Iniziare il Pasto con Verdure?

Bambini: Perché Iniziare il Pasto con Verdure?

Diventa sempre più importante trovare delle soluzioni valide per aumentare la quantità di verdure mangiate dai bambini. In America meno della metà ne consuma le giuste porzioni e in Italia non va tanto meglio. Secondo la Coldiretti il numero dei bambini e adolescenti che mangia frutta e verdura a ogni pasto è sceso dal 37% del 2012 al 35%, mentre quelli che la mangiano una volta al giorno sono passati dal 35% al 39%. Troppi anche i bambini che mangiano verdura e frutta al massimo 2 volte a settimana: nel 2012 erano il 24%, oggi il 31%.

Un metodo per aumentare la quantità di frutta e verdura consumata dagli adulti è quello di servire porzioni più grandi ai pasti principali. Ma non è così semplice per i bambini: uno studio ha infatti evidenziato che quando le porzioni di frutta ai pasti venivano raddoppiate, la quantità totale di frutta mangiata aumentava, al contrario quando erano servite porzioni doppie di vegetali, la quantità consumata era pressoché la stessa. Sembrerebbe quindi che mettere in tavola abbondanti porzioni di verdure non ha alcun effetto sulla quantità mangiata dai piccoli quando sono a diposizione altri alimenti.

come far mangiare verdure ai bambini

Quindi, in teoria, servire una porzione di verdure all’inizio del pasto, in assenza di altri alimenti in tavola, che “competono” con i salutari ortaggi, dovrebbe aumentare la quantità di verdure mangiate dai bambini. Ed è proprio questo lo scopo di uno studio pubblicato sul The American Journal of Clinical Nutrition: ad un gruppo di 51 bambini, con età media di 4 anni, sono state servite a mensa prima del pasto tradizionale una porzione di carote ed è quindi stata valutata la quantità totale di verdure mangiate (le carote ad inizio pasto, più la porzione di contorno dopo la pasta). Il cibo e le bevande a disposizione dei bambini erano ad libitum, cioè a volontà: in pratica potevano mangiare e bere quanto volevano, ad eccezione delle carote, le cui porzioni erano prestabilite. I ricercatori hanno servito in giorni diversi 30 gr, 60 gr e 90 gr di carote per poter valutare se la quantità a disposizione dei bambini potesse influenzare la quantità mangiata. Le carote furono servite con una salsa a basso contenuto di grassi poiché in altri studi è stato trovato che il metodo di preparazione/cottura delle verdure ne influenza l’accettabilità e quindi la quantità consumata.

I Bambini Mangiano più Verdura se…

come far mangiare più verdure ai bambiniQuando le porzioni di carote servite passavano da 30 a 60 gr i bambini aumentavano la quantità di ortaggi mangiati (più 47%) e questo succedeva anche quando veniva messa in tavola la porzione più grande -90 gr – (più 54%, rispetto alla quantità mangiata con la porzione da 30 gr). Sorprendentemente la quantità totale di vegetali consumata dai bambini (carote e broccoli –il contorno servito dopo la pasta) era maggiore quando aumentava la porzione di carote. Tuttavia in ogni caso, la quantità di calorie assunte con il pasto non differiva significativamente variando la porzione di carote servite prima del pranzo.

È probabile che l’aver scelto di servire due tipi di verdure –carote ad inizio pasto e broccoli a fine pasto- con diverse caratteristiche sensoriali –odore, sapore, consistenza, cottura- abbia ridotto nei bambini la sazietà sensoriale. La sazietà sensoriale è quel fenomeno in cui alimenti con proprietà sensoriali simili, quando sono consumati nello stesso pasto diminuiscono la piacevolezza percepita nel mangiarli, quindi ci saziano prima. Un po’ quello che succede quando passiamo molte ore ai fornelli: spesso quando il pasto è pronto, la fame sparisce proprio a causa della sazietà sensoriale.

Provate anche voi a casa con i vostri figli: prendete l’abitudine di servire un “antipasto” di verdure, meglio crude, prima del pranzo e della cena. Carote, sedano, cetrioli, ravanelli, peperoni, finocchi: sono solo alcune delle alternative. Ricordate però di non servire la stessa verdura, o verdure simili, nello stesso pasto. Non accompagnatele mai a salse –alimenti sempre da evitare e tenere quanto più possibile lontani dai bambini e da voi: un pinzimonio con olio extravergine di oliva arricchito con basilico, origano o altre spezie è tutto ciò che occorre per preparare l’antipasto più sano che voi e i vostri figli possiate mangiare.

Bibliografia:

Maureen K Spill, Leann L Birch, Liane S Roe, and Barbara J Rolls; Eating vegetables first: the use of portion size to increase vegetable intake in preschool children. Am J Clin Nutr 2010;91:1237–43. 

Dott.ssa Chiara Cevoli

By | 2014-07-24T16:34:10+00:00 agosto 29th, 2014|Categories: Alimentazione|Tags: , , , , |0 Comments

Leave A Comment