Alimenti in Frigorifero

//Alimenti in Frigorifero

Alimenti in Frigorifero

Saper conservare gli alimenti è fondamentale principalmente per 2 motivi: per la nostra salute e per preservare al meglio le proprietà nutritive dei cibi.
Gli alimenti possono essere:

  • Stabili. Appartengono a questa categoria tutti gli alimenti che si possono conservare al di fuori del frigo, a temperatura ambiente: pasta, legumi secchi, prodotti da forno confezionati, scatolame
  • Deperibili. Appartengono a questa categoria tutti gli alimenti che devono essere conservati in frigo e consumati entro pochi giorni dalla data di acquisto (formaggi freschi, carne, pesce, etc.).
  • Surgelati o congelati. Appartengono a questa categoria tutti gli alimenti che devono essere conservati nel congelatore fino al loro utilizzo.

Nel Frigorifero

La temperatura del frigorifero non è la stessa in tutti i punti: al suo interno, alcune zone sono più fredde di altre, questo ci permette di conservare al meglio gli alimenti. Poiché non tutti i frigoriferi sono uguali, è opportuno consultare sempre il libretto delle istruzioni, che aiuta a gestire al meglio gli alimenti nei diversi ripiani. Non riporre mai l’alimento nel frigo ancora caldo: oltre a riscaldare il ripiano, riscalda anche gli alimenti vicini e il vapore condensando all’interno del contenitore, ricade sul cibo.

  • Ripiano a temperatura intermedia (4-5 °C): uova, formaggi e latticini, salumi, creme, dolci, panna. Gli alimenti devono essere sempre chiusi all’interno dei propri contenitori e ben separati gli uni dagli altri.
  • Ripiano a bassa temperatura (0-2 °C): carne e pesce. Prima regola fondamentale è separare i diversi alimenti. Il pesce pulito va consumato entro 24 ore, per la carne dipende dal tipo e dal taglio (la carne macinata entro 24 ore).
  • Ripiano a temperatura maggiore (7-10 °C): frutta e verdura. Temperature troppo basse le danneggerebbero, ricordarsi comunque di consumarle entro breve tempo dall’acquisto.

le diverse temperature del frigo

Separare gli alimenti

Come già detto, una regola fondamentale è la separazione degli alimenti all’interno del frigo. Questo permette di evitare la contaminazione tra cibi: i microrganismi presenti negli alimenti crudi infatti potrebbe passare in quelli cotti contaminandoli. Questo rappresenta una delle principali cause di intossicazione alimentare. Altra buona regola è quella di mettere gli alimenti “più vecchi” davanti, a portata di mano, mentre quelli acquistati più recentemente dietro o sotto ai primi: in questo modo si evita di scordarsi i cibi ed è più facile consumarli entro la data di scadenza. Altra importante raccomandazione è quella di non riempire troppo il frigo: l’aria fredda sarà infatti ostacolata nella circolazione e la temperatura al suo interno non risulterà costante.

Come pulire il frigorifero

L’igiene del frigo è fondamentale: il suo interno va regolarmente pulito con acqua e aceto o bicarbonato. Per far si che funzioni sempre a livello ottimale e per mantenere la giusta temperatura, è importante sbrinare periodicamente sia il frigorifero che il congelatore.

Dott.ssa Chiara Cevoli
Biologo Nutrizionista

By | 2014-03-08T15:35:20+00:00 marzo 18th, 2014|Categories: Alimentazione|Tags: , , , |1 Comment

Leave A Comment